Prende il via il processo di dematerializzazione dei contrassegni assicurativi: entro il 18 aprile infatti le compagnie assicuratrici dovranno popolare la banca dati con i dati dei propri assicurati; ciò permetterà, a far data dal 18 ottobre, agli organi di polizia stradale di accertare a partire dalla targa (con l’ausilio di sistemi informatici e di telecamere debitamente omologate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti),  se il veicolo in transito è coperto dal contratto assicurativo come dettato dall’art. 193 del Codice della Strada.

Per l'utente viene dunque meno l'obbligo di esporre il contrassegno.

Si ricorda che la legislazione vigente prevede che i veicoli a motore senza guida di rotaie, compreso i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa; la medesima norma afferma che chiunque circola senza la copertura dell'assicurazione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 848 a euro 3.393nonché al sequestro del veicolo.

Altre informazioni da questo collegamento

Dove

  • Piazzola
    35013 Piazzola PD
    Italia
10/04/2015